Natale

Nelle tue iridi cerulee, ci ho visto il mio riflesso: mollemente mi ha mostrato l’apatia del mio essere natalizio.

Del Natale ricordo l’odore acree del sughero, marcio di vino, e il fumo denso di un camino appena acceso che brucia gli occhi, lucidi di freddo e aspettative.

Gli animi sono inebriati dallo spirito, dell’alcool e dall’euforia delle natalizie, lagne.

Scorre placidamente vinello, straripa fuori dai bicchieri della cristalleria di nonna Pina e bagna la tovaglia, rossa, che diventa ancor più rossa.

Fuori è bianco. Nevica.

Lacrime ghiacciate dal cielo, sul volto di un senzatetto, lavano visi puliti di bambini;

nei prati gli uomini, di neve, incontrano gli angeli, di neve.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...