23 Dicembre

Sul collo l’impronta di una mano, l’ugola fatica a deglutire mentre intorno le luci sfavillano.
La violenza di un abbraccio ostentato mi rimbomba nella testa. Volti inespressivi riflettono vetrine e il muro dell’incomprensibilità si stende pietoso. La fiducia è persa in un oceano di sorrisi posticci che violentano l’anima; mani senza occhi.
La brutalità del mondo è all’ordine del giorno, una zuppa amarissima dolcificata all’aspartame.

Un pensiero riguardo “23 Dicembre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...